FLC CGIL
Testo CCNL Istruzione e Ricerca

http://www.flcgil.it/@3906399
Home » Enti » ENEA » Notizie » ENEA: tagliate le liquidazioni dei dipendenti! Una perdita di migliaia di euro

ENEA: tagliate le liquidazioni dei dipendenti! Una perdita di migliaia di euro

Altro record negativo della gestione commissariale: il peggior computo nelle liquidazioni attualmente in vigore negli Enti pubblici di ricerca. Chiediamo interventi con urgenza.

25/10/2013
Decrease text size Increase  text size

Continuano le sorprese negative per i dipendenti dell'ENEA, questa volta tocca alle liquidazioni!

Abbiamo avuto conferma negli ultimi incontri di trattativa di un dubbio che avevamo percepito su una questione già sollevata in passato:quale meccanismo di calcolo fosse adottato dall’ENEA ai fini del computo del Trattamento di Fine Servizio.

Il problema si è posto a seguito dell’ingresso dell’ENEA nel comparto, allorché ci si è posti la domanda di come si dovesse trattare l’istituto del TFS alla luce del contratto di comparto degli Enti Pubblici di Ricerca. Con motivazioni speciose l’ENEA, avendo verificato il comportamento disomogeneo degli enti del comparto sulle voci da considerare utili per il computo del TFS (effettivamente, nell’incertezza normativa, ogni ente prende in considerazione in modo diverso le voci retributive accessorie da calcolare) e sentendosi vincolata a riguardo dalle precedenti norme ENEA (secondo le quali le voci utili per il TFS sarebbero stabilite in apposito Dpcm), ha ammesso candidamente di aver posto uno specifico quesito al MEF in materia, senza consultare minimamente le organizzazioni sindacali, su una materia di competenza contrattuale, oltreché particolarmente delicata.

A dicembre di fronte alle nostre riflessioni l'ENEA aveva affermato che avrebbe fatto una ricognizione appropriata: invece, in gran segreto, ha interpellato Il MEF, peraltro scavalcando i più competenti gli enti previdenziali o la Funzione Pubblica, come se fosse solo un problema di costi e tagli, anziché di regole e procedure. Ovviamente il MEF ha risposto (l’ENEA non ci ha fatto vedere la lettera) nel peggior modo possibile ad un quesito che è sembrato appunto mera questione di costo, e così l’ENEA ha scientemente arrecato un grave danno a tutti i lavoratori dell’Ente.

Il tema di fondo è come il salario accessorio contribuisce al calcolo del TFS, cosa che, sia pure in maniera disomogenea da ente ad ente, avviene in tutto il Comparto. Ad esempio, per il personale dei livelli IV-VIII l’Indennità di Ente è considerata utile nel comparto per il TFS, in misura diversa perché c’è chi considera l’Indennità Annuale, chi quella Mensile, e chi tutte e due le indennità. Analogamente per i livelli I-III sono considerate utili sia l’Indennità di Valorizzazione Professionale, che quella degli Oneri Specifici.

Ebbene, l’ENEA ha scelto la soluzione peggiore di tutte: il salario accessorio non è utile nemmeno parzialmente al TFS, punto! Con nessuna voce! Per nessuno! Con gravi conseguenze sulle liquidazioni di tutto il personale! (Ovviamente la questione non tocca le liquidazioni d’oro dei dirigenti e dei neo dirigenti!)

Per questo abbiamo chiesto un chiarimento in materia, a partire dalla verifica degli atti formali che l’Ente ha prodotto, ma abbiamo sollecitato anche lo stesso Commissario, intervenuto nell’incontro sindacale del 16 ottobre, ad un ripensamento per riparare in qualche modo alla beffa sulle liquidazioni, che fa dei dipendenti dell’ENEA, anche su questo tema, il fanalino di coda di tutti gli enti di ricerca.

Perché solo all’ENEA nessuna voce del salario accessorio in nessun caso è utile al trattamento del TFS, con danni stimabili nell’ordine di migliaia di euro?

Sì, proprio così, perché grazie all’insensatezza o superficialità burocratica del vertice dell’ente, i lavoratori dell’ENEA, ottengono da questa gestione un nuovo record negativo: avranno il peggior computo nelle liquidazioni attualmente in vigore in tutti gli Enti Pubblici di Ricerca, quello che esclude tutte le voci del salario accessorio, benché fisse e ricorrenti.

Non si può soprassedere su questo argomento e la FLC chiede immediatamente all’Ente di aprire un tavolo sullo specifico tema.

Altre notizie da:
Filo diretto sul contratto
Filo diretto rinnovo contratto di lavoro

Servizi e comunicazioni

Servizi assicurativi per iscritti e RSU
Servizi assicurativi iscritti FLC CGIL