FLC CGIL
Contro la regionalizzazione del sistema di istruzione fima anche tu

http://www.flcgil.it/@3917547
Home » Enti » ENEA » Notizie » ENEA: firmata l'ipotesi di accordo su alcuni istituti contrattuali di particolare interesse

ENEA: firmata l'ipotesi di accordo su alcuni istituti contrattuali di particolare interesse

Tra i temi trattati turnisti, conto terzi e anticipo fasce stipendiali. Continuano gli incontri su concorsi interni e mobilità orizzontale tra profili.

17/11/2014
Decrease text size Increase  text size
Vai agli allegati

È disponibile l'ipotesi di contratto collettivo integrativo sottoscritto il 5 novembre 2014, che ora va al vaglio della revisione istituzionale.
L’accordo riguarda argomenti da molto tempo in discussione e sono stati giù da noi commentati:

  • turnisti che adeguano le normative al contratto EPR a partire dal 1 gennaio 2012;
  • conto terzi (10% su progetti e servizi tecnologici acquisiti, da ripartire al 20% per il team direttamente coinvolto, il 15% per l’Unità afferente al team, 65% per il personale dell’ente);
  • anticipo di fascia per i R/T che riguarderà tre annualità (2013, 2014, 2015) interessando 300 mila euro circa (non come erroneamente riportato precedentemente di 300 fruitori).

Intanto, va avanti la discussione sui concorsi interni. Per l’articolo 54 vi è un ritardo informatico presumibilmente di un mese. A metà strada la discussione su articolo 15 per concorsi R/T (è bene sempre tener presente che parliamo di risorse estremamente esigue e di qualcosa che è una coda del 2010 e di quanto “avvenuto” quell’anno). Si apre, poi, la discussione sulla mobilità su profili che di rito dovrebbe essere annuale. L’ultima occasione è stata nel 2011.

Siamo anche stati informati di una circolare commissariale sulle missioni alle Unità. In un confronto al centro di Portici, il Commissario ha sottolineato la disponibilità a ripensamenti in proposito prima della prevista fase regolamentare. Diffuse sono state le critiche e osservazioni emerse a partire dalla concezione da “taglio lineare” e non selettivo dei tagli ipotizzati. A fare i tagli ragionieristici sono capaci tutti, non serve divenire dirigenti. Ma in questo modo invece di razionalizzare si finisce per incidere anche sulle attività programmatiche e sugli stessi progetti che dovrebbero portare risorse, oltre che prestigio, all’ente.

Altre notizie da:
Filo diretto sul contratto
Filo diretto rinnovo contratto di lavoro

Servizi e comunicazioni

Servizi assicurativi per iscritti e RSU
Servizi assicurativi iscritti FLC CGIL