FLC CGIL
Contro la regionalizzazione del sistema di istruzione fima anche tu

http://www.flcgil.it/@3821255
Home » Enti » ENEA » Notizie » Comunicato al personale sull'esito dell'incontro all'ENEA tra il Direttore Generale -Direzione RU e OO.SS.

Comunicato al personale sull'esito dell'incontro all'ENEA tra il Direttore Generale -Direzione RU e OO.SS.

Si è tenuta, nel pomeriggio di lunedì 2 maggio, la programmata riunione con il Direttore Generale e la Direzione RU dell’ENEA.

04/05/2005
Decrease text size Increase  text size

FLC – CGIL CISL – FIR UILPA-UR CISAL-RICERCA

Roma, 4 maggio 2005

COMUNICATO AL PERSONALE DELL’ENEA

Si è tenuta, nel pomeriggio di lunedì 2 maggio, la programmata riunione con il Direttore Generale e la Direzione RU dell’ENEA.

Gli argomenti affrontati sono stati i seguenti:

  • rideterminazione della dotazione organica

Come noto tutte le pubbliche amministrazioni dovevano effettuare la rideterminazione delle proprie dotazioni organiche entro il 30 aprile 2005, riducendole di una misura pari al 5% della spesa del personale, a pena della cristallizzazione delle stesse alle consistenze, per singola qualifica, in essere al 31.12.2004. La rideterminazione operata in ENEA ha prodotto, sulla scorta del valore già ridotto pari a 99 milioni di euro, una consistenza di 3.066 dipendenti (vedi tabella allegata). Ciò comporta, nel corrente anno, sulla scorta delle cessazioni intervenute e previste per il 2005, la possibilità, previa richiesta delle autorizzazioni necessarie, di indire selezioni concorsuali per circa 120 unità, nonché di effettuare i previsti interventi di sviluppo verticale di carriera per circa 400 unità.

Le OO.SS. hanno contestato l’elevato numero di posizioni dirigenziali nella dotazione organica (80), prevedendo che queste pesino in maniera più che significativa sulla gestione del budget. La rinuncia all’utilizzo per le posizioni dirigenziali di personale esterno all’Ente e il ridimensionamento dei numeri previsti per il 2005 comporterebbe la possibilità di chiedere l’autorizzazione a bandire concorsi a tempo indeterminato per oltre 150 unità, anziché le 120 previste dall’Ente.

  • reclutamento e questione precari

Il reclutamento, nel vigente quadro normativo, può essere effettuato solo con il seguente meccanismo:

  • rideterminazione dotazione organica;

  • richiesta di autorizzazioni all’effettuazioni di selezioni concorsuali per la misura delle posizioni vacanti;

  • richiesta di deroghe al blocco disposto con la "finanziaria", preordinate all’assunzione dei vincitori delle selezioni effettuate.

Con tale meccanismo e sulla scorta dei numeri derivanti dalla rideterminazione della dotazione organica e delle cessazioni avvenute e previste, l’Ente ritiene possibile effettuare concorsi a tempo indeterminato per ca. 120 unità nel corrente anno (contro la nostra richiesta di 150 unità, operando le succitate riduzioni di costo sui dirigenti) e ca. 80 unità nel prossimo anno.

Escludendo i piccoli concorsi in esecuzione (uno per 11 unità ed uno per 12 unità) il cui criterio guida è stato quello delle priorità programmatiche, i successivi concorsi avranno quale criterio guida sostanziale l’ordine di scadenza dei contratti a termine esistenti. Fino a completamento delle selezioni concorsuali a tempo indeterminato ed alla presa di servizio dei vincitori è assicurato il rinnovo dei contratti a tempo determinato ed assegni di ricerca. Per i CFL di Trisaia l’Ente ha assicurato, per il momento, la proroga fino al 31 dicembre 2005 con l’impegno all’assunzione nel 2006.

  • nuovi progetti ed attivazione di n. 23 assegni di ricerca in area bolognese

ad esito di delibere assunte nel CdA del 29 aprile u.s. concernenti 7 nuovi progetti per ca. 2 milioni di euro di nuove entrate in cofinanziamento, saranno attivati 23 nuovi assegni di ricerca in area bolognese, che se da una parte creeranno nuove legittime aspettative di stabilizzazione rappresentano, al momento, una importante possibilità di immissione di nuove forze giovani nell’Ente, fuori dai numerosi vincoli normativi.

  • struttura organizzativa

la nuova struttura organizzativa non potrà essere attivata prima dell’approvazione del Regolamento di organizzazione e funzionamento dell’ENEA, ancora al vaglio dei livelli ministeriali. In attesa, l’Ente sta lavorando all’individuazione di "suggerimenti" per la "struttura futura" giovandosi delle proposte formulate dai responsabili della struttura attuale. Tale "canovaccio" dovrà essere armonizzato con le previsioni del Piano triennale, presentato al CdA e confrontato con le OO.SS. . Abbiamo anticipato la richiesta che la nuova struttura garantisca un adeguato equilibrio di genere e che essa sia attivata in tempi ragionevolmente brevi evitando ulteriori proroghe dell’attuale.

  • bilancio consuntivo 2004 e bilancio preventivo 2005

Ne abbiamo chiesto copia per una approfondita valutazione

  • ipotesi di atto di indirizzo per l’I.V.C. per il 2° biennio (2004 - 2005)

E’ stata deliberata dal CdA nel quadro normativo delineato dall’art. 70 del D. L.vo 165/2001. Per l’invio al Dipartimento della Funzione Pubblica manca solo la firma del Presidente.

Siamo stati informati che, dopo il TAR del Lazio, anche il Consiglio di Stato ha rigettato il ricorso dell’ANPRI contro l’erogazione della vacanza contrattuale per l’ENEA, ai sensi della succitata cornice normativa.

  • ipotesi di atto di indirizzo per il rinnovo contrattuale quadriennio 2002 – 2005

E’ stato deliberato il mandato al D.G. di effettuare il confronto con le OO.SS. sia in ordine all’inserimento in uno dei comparti collettivi di contrattazione per il rinnovo 2006 – 2009 che in ordine ai contenuti del rinnovo 2002 – 2005, da effettuarsi in logica di contratto di transizione verso il comparto che sarà identificato.

Abbiamo anticipato che il comparto più ovvio al momento appare quello degli Enti pubblici di ricerca e di conseguenza l’attuale rinnovo dovrà avere tra i suoi obiettivi l’armonizzazione degli istituti contrattuali traguardando l’evoluzione del comparto Epr, la revisione del sistema dei profili sulla scorta della stessa valutazione, la revisione, con l’obiettivo della semplificazione e dell’avvicinamento al modello comparto, della struttura retributiva, la ripartizione del budget contrattuale tra quota fondamentale e quota accessoria in modo da conseguire gli obiettivi prefissati, tra cui estese operazioni di sviluppo verticale di carriera.

L’Ente si è impegnato ad una successiva convocazione a breve.

FLC CGIL CISL F.I.R. UIL P.A. – U.R. CISAL Ricerca ENEA

Altre notizie da:
Filo diretto sul contratto
Filo diretto rinnovo contratto di lavoro

Servizi e comunicazioni

Servizi assicurativi per iscritti e RSU
Servizi assicurativi iscritti FLC CGIL